Anche a Casale la “24 ore per il Signore”

Anche la Diocesi di Casale Monferrato aderisce alla “24 ore per il Signore”, iniziativa voluta da Papa Francesco in unione con il Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, giunta quest’anno alla terza edizione.
Ad ospitare questo appuntamento di preghiera e di adorazione eucaristica sarà la Chiesa di San Filippo, a Casale Monferrato.
Si inizia venerdì 4 marzo, alle 18, con la Via Crucis a cui seguirà l’adorazione animata da bambini e ragazzi. Poi spazio alla preghiera personale e in gruppo fino alla conclusione prevista per sabato 5 marzo, alle 16, con la celebrazione della S. Messa. In San Filippo ci sarà la possibilità di accedere al Sacramento della Riconciliazione.
A chi dà la propria disponibilità alla preghiera nelle ore notturne, l’oratorio Duomo – San Domenico offrirà ai gruppi, e particolarmente ai giovani, assistenza logistica.

“A che punto siamo su ecumenismo e dialogo interreligioso”. Incontro con don Piermario Ferrari

L’incontro tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill, il prossimo sinodo panortodosso, i 500 anni della dichiarazione di Lutero. Saranno questi alcuni dei temi al centro del terzo e conclusivo appuntamento con i Laboratori di “Cantiere Speranza” curati da don Piermario Ferrari, sacerdote della diocesi di Novara, specialista di ecumenismo e docente
universitario in diverse facoltà teologiche italiane. Venerdì 26 febbraio, alle ore 21 presso la Sala Cavalla del Seminario Vescovile di Casale Monferrato, la riflessione di don Ferrari sarà proprio dedicata al tema “A che punto siamo su ecumenismo e dialogo interreligioso – Dopo l’incontro di Papa Francesco con il Patriarca Kirill”. Nella seconda parte del suo intervento don Piermario svilupperà una riflessione su quelle che sono le opportunità di dialogo tra il cristianesimo ed il mondo cinese, considerata la comune appartenenza di Papa Francesco a quell’ordine dei Gesuiti che ebbe in Cina nel ‘500 con Matteo Ricci uno straordinario dialogo con la cultura confuciana.
“La conferenza – spiegano gli organizzatori – comincerà alle ore 21 per permettere ad alcuni invitati della Chiesa Ortodossa casalese di poter partecipare all’incontro. Si dovranno rinviare i momenti del confronto ad una diversa occasione che sarà fissata insieme ai presenti proprio nella stessa serata”.

Catechesi quaresimali dedicate all’Anno Giubilare della Misericordia

Saranno dedicate a “La comunità cristiana vive l’anno giubilare della misericordia” le cinque catechesi quaresimali che saranno guidate dal Vescovo, monsignor Alceste Catella, nei mercoledì di Quaresima. Il primo appuntamento è in programma per il 17 febbraio, alle 21, presso l’auditorium san Filippo di Piazza Statuto a Casale Monferrato. Le successive catechesi si terranno il 24 febbraio e il 2, 9 e 16 marzo, monsignor Alceste Catella. “La Quaresima – ha scritto mons. Catella nel messaggio inviato alla Diocesi – è itinerario di preparazione a vivere il mistero centrale della fede cristiana: la Pasqua, vale a dire quegli eventi che sono la redenzione e la salvezza dell’uomo: la Passione, la Morte e la Risurrezione di Gesù”. Per questo motivo “siamo chiamati a riscoprire Cristo ed il nostro Battesimo in un cammino di ‘conversione’ cioè di ‘cambiamento di mentalità’”. “Non perdiamo questo tempo di Quaresima favorevole alla conversione. Lo chiediamo per l’intercessione materna della Vergine Maria, che per prima – conclude mons. Catella – di fronte alla grandezza della misericordia divina a lei donata gratuitamente, ha riconosciuto la propria piccolezza, riconoscendosi come l’umile serva del Signore”. Tutte le catechesi quaresimali si terranno alle 21, presso l’auditorium san Filippo.

Animatori musicali della Liturgia, incontri per cantori

Nell’ambito della Scuola per Animatori Musicali della Liturgia, l’Ufficio Liturgico della Diocesi di Casale Monferrato propone un “Modulo formativo di base per cantori”. Si tratta di un ciclo di quattro incontri rivolti “a tutti coloro che svolgono o intendono svolgere il servizio di cantore nella Liturgia” e “a tutti coloro che vogliono migliorare la qualità della loro voce”.
Il primo appuntamento è fissato per lunedì 15 febbraio, dalle 19 alle 20.30, presso il Salone Immacolata del Seminario Vescovile di Casale Monferrato. I successivi incontri si terranno, allo stesso orario, nei lunedì 22 e 29 febbraio e 7 marzo.
Nel corso degli incontri si approfondiranno i temi relativi a vocalità (impostazione della voce, intonazione per saper cantare in coro e a più voci), repertorio/canto corale (apprendimento di canti e suggerimenti per l’uso liturgico) e esperienza pratica di canto corale a più voci
ruolo della musica e del canto nella liturgia (per conoscere, comprendere, partecipare bene alla Santa Messa).

Rinunce e nomine nell’Unità Pastorale S. Candido

Rinunce
In data 7 febbraio 2016 è stata accolta la rinuncia di don Mario Devecchi, quale Parroco di Robella, Cortiglione e Sant’Anna. Nel contempo è stato nominato Collaboratore Pastorale nel territorio dell’Unità S. Candido.

Amministratori Parrocchiali
Con decreto vescovile in data 8 febbraio 2016 il sac. Ottavio Sega è stato nominato Amministratore parrocchiale della “Parrocchia di S. Anna” in Montiglio, fraz. Sant’Anna.
Con decreto vescovile in data 8 febbraio 2016 il sac. Elio Barbuio è stato nominato Amministratore parrocchiale della “Parrocchia di S. Giacomo” in Robella e della “Parrocchia di S. Eusebio” in Robella, fraz. Cortiglione.

“Protezione dell’ambiente e strumenti fiscali”. Conferenza con il prof. Sacchetto

“Protezione dell’ambiente e strumenti fiscali – Alla luce dell’enciclica Laudato si'” è il tema della conferenza che si svolgerà nella serata di mercoledì 10 febbraio, alle 21, presso la Sala Cavalla del Seminario Vescovile di Casale Monferrato. All’iniziativa, promossa dall’UCID (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti) di Casale Monferrato e dall’Ufficio per la Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Casale Monferrato con il patrocinio del Comune di Casale Monferrato, vedrà la partecipazione del prof. Claudio Sacchetto (professore emerito di Diritto Tributario all’Università di Torino).
«Potrebbe sembrare azzardato l’accostamento “strumenti fiscali” e “enciclica Laudato sì” presente nel titolo della conferenza», ha affermato il presidente della locale sezione dell’UCID, Luigi Icardi, nel presentare l’iniziativa. «In realtà, benché scritta in modo semplice, l’enciclica di Papa Francesco è piena di argomenti tecnico-scientifici, parlando con lo stesso linguaggio utilizzato da quell’ambiente accademico che si è ritrovato con i governanti del mondo a fine novembre a Parigi per la Cop21, la conferenza sui cambiamenti climatici». «Per evitare che si continui ad aggravare la situazione relativa ai cambiamenti climatici – ha aggiunto – si può ricorrere a strumenti volontari, a standard regolativi e a strumenti economici e fiscali. Proprio su questa ultima modalità parlerà il prof. Sacchetto nella serata del 10 febbraio, partendo da un esame dei trattati internazionali quali il trattato di libero scambio e le norme europee per il contenimento delle emissioni per arrivare, esaminando la questione nazionale, ad indicare quali siano le conseguenze del recepimento di tali normative sul piano del coinvolgimento delle istituzioni, dei cittadini e delle loro associazioni. Tutto questo alla luce di quanto scritto nella “Laudato sì”, nella quale Papa Francesco dice anche che le leggi da sole saranno inutili se non aderiamo ad una conversione ecologica integrale, cioè al cambiamento dei nostri comportamenti e del nostro modo di vivere».

“Una Chiesa di corresponsabili”. Incontro con la teologa Noceti

Si terrà lunedì 8 febbraio, alle 21 presso la Sala Carlo Cavalla del Seminario Vescovile di Casale Monferrato la conferenza “Una Chiesa di corresponsabili. La formazione ed i ministeri dei fedeli laici” a cui parteciperà, in qualità di relatrice, la teologa fiorentina Serena Noceti, vicepresidente dell’Associazione Teologica Italiana e docente di teologia sistematica presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale.
L’iniziativa, promossa dalla Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali di Casale Monferrato, vuole essere «un momento di approfondimento in ordine alla realizzazione di una “Chiesa in uscita” secondo le indicazioni di Papa Francesco». «Per poter realizzare questo progetto – proseguono gli organizzatori – i laici necessitano di una formazione per imparare a svolgere un servizio pastorale qualificato. Nel corso della serata si parlerà pertanto di corresponsabilità nella Chiesa e delle nuove ministerialità necessarie per la Chiesa di oggi».

In preghiera contro la tratta delle persone

Domenica 7 febbraio, alle 17 presso la Chiesa di S. Filippo a Casale Monferrato, si terrà un incontro di preghiera in occasione della Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta delle persone, che verrà celebrata in tutto il mondo lunedì 8 febbraio sul tema “Il Giubileo della Misericordia per la liberazione degli schiavi di oggi”.
L’iniziativa, a livello locale, è organizzata da Migrantes – Servizio per la pastorale dei Migranti della Diocesi di Casale Monferrato.
«La tratta di esseri umani – si legge in una nota della Fondazione Migrantes, organismo pastorale della Conferenza Episopale Italiana – è una delle peggiori schiavitù del XXI secolo. E riguarda il mondo intero. Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil) e l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (Unodc) circa 21 milioni di persone, spesso povere e vulnerabili, sono vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale o lavoro forzato, espianto di organi, accattonaggio forzato, servitù domestica, matrimonio forzato, adozione illegale e altre forme di sfruttamento. Ogni anno, circa 2,5 milioni di persone sono vittime di traffico di esseri umani e riduzione in schiavitù; il 60 per cento sono donne e minori. Spesso subiscono abusi e violenze inaudite. D’altro canto, per trafficanti e sfruttatori la tratta di esseri umani è una delle attività illegali più lucrative al mondo: rende complessivamente 32 miliardi di dollari l’anno ed è il terzo “business” più redditizio, dopo il traffico di droga e di armi». «Scopo della Giornata è di creare consapevolezza del fenomeno e dare risposte con azioni concrete a queste situazioni di violenza e ingiustizia».