È convocata per la giornata di sabato 17 giugno l’Assemblea diocesana che radunerà l’intera comunità ecclesiale monferrina. Un’occasione che vuole essere la più aperta e inclusiva possibile per «lasciarci leggere – come scrive Mons. Vescovo nella lettera di convocazione – dalla Evangelii Gaudium e dalle proposte scaturite dal Convegno di Firenze. E questo significa confrontare l’ideale di Chiesa che papa Francesco propone con il volto reale della nostra Chiesa diocesana e accettare la sfida della necessaria conversione».

Di seguito, il testo integrale della lettera di convocazione-invito scritta da mons. Alceste Catella e pubblicata dal settimanale diocesano “La Vita Casalese” nel numero di giovedì 11 maggio 2017.

Carissimi diocesani,

con grande gioia convoco ufficialmente l’Assemblea Diocesana che si svolgerà a Casale sabato 17 giugno.

E invito tutti voi, membri della Chiesa che cammina, vive ed è presente nella nostra amata Diocesi, a partecipare numerosi. A cominciare da voi, carissimi presbiteri e voi, carissimi diaconi e i religiosi, le religiose, le assistenti pastorali; e poi quanti fate parte del Consiglio Pastorale Diocesano e delle Equipes delle Unità Pastorali e voi che componete i Consigli Pastorali parrocchiali; siete invitati tutti voi membri di gruppi, associazioni, movimenti…; e un invito specialissimo è per voi carissimi giovani.

Che cosa vuole essere l’Assemblea Diocesana? Un momento per organizzare qualche iniziativa o qualche attività? No! Vuole essere un’esperienza in cui sperimentare al vivo che siamo Chiesa, popolo di Dio, comunità. In particolare: vogliamo lasciarci leggere dalla Evangelii Gaudium e dalle proposte scaturite dal Convegno di Firenze. E questo significa confrontare l’ideale di Chiesa che papa Francesco propone con il volto reale della nostra Chiesa diocesana e accettare la sfida della necessaria conversione.
La prima conversione da vivere è abbandonare il comodo immobilismo abitudinario per guardare oltre, per contemplare i limpidi orizzonti del Vangelo e camminare impegnandosi a diminuire le distanze tra l’ideale e il reale.

La Chiesa “Popolo di Dio” è il grande progetto della Evangelii Gaudium e del Convegno di Firenze e può essere descritto da alcuni “verbi”: uscire – annunciare – abitare – educare – trasfigurare.
Su questi verbi abbiamo cercato di riflettere in questo anno pastorale, in Assemblea – con metodo sinodale – lavoreremo insieme per trarre concrete indicazioni di viaggio.

Affidiamo questo nostro comune impegno a Maria Madre della Chiesa che da Crea guarda benigna alla nostra Diocesi. In attesa di incontrarvi vi saluto con affetto e vi benedico.

+ Alceste Catella, vescovo

Nelle prossime settimane, in un’area dedicata, il sito della Diocesi renderà disponibile il materiale per prepararsi all’appuntamento del 17 giugno.