Verrà presentato mercoledì 14 giugno, alle 21 presso la sala Lunette del Museo Civico di Casale Monferrato il volume “La soggettività del migrante lungo la Fortezza Europa”, scritto da Nicola Bonelli, casalese venticinquenne laureato in Relazioni internazionali all’Università di Venezia e operatore di accoglienza in Trentino. La serata è organizzata dal Servizio Migrantes della Diocesi di Casale Monferrato con il patrocinio del Comune di Casale Monferrato.
«Il libro – spiegano i promotori – analizza la migrazione da un punto di vista storico e culturale, cercando di interagire con la figura del migrante, vero protagonista del fenomeno in questione ma al tempo stesso spesso dimenticato dall’analisi politica, giornalistica e sociale». «Nel libro l’autore porta anche la sua esperienza di volontario di Operazione Colomba nel campo profughi libanese da cui sono partiti i primi corridoi umanitari promossi dalla società civile italiana».
L’autore sottolinea come l’Italia e l’Europa si trovino di fronte a un “passaggio critico”. «È come se i popoli variamente discriminati o oppressi – afferma – attraverso la loro decisione di sormontare le frontiere che l’Europa pone loro di fronte, pretendano, con la loro presenza, di rimettere in discussione quella logica di dominio che ha governato il mondo negli ultimi secoli». «Il migrante – conclude Bonelli – solleva con la sua sola presenza problemi di democrazia, libertà e parità nella società e nei luoghi di lavoro, diritto di cittadinanza e redistribuzione delle risorse».