Il percorso archeologico dei sottotetti della Cattedrale di Sant’Evasio, ospiterà a partire da sabato 8 aprile e fino a domenica 14 maggio, la mostra “L’immagine del Sacro”. Si tratta di un percorso d’arte contemporanea, a cura di Carlo Pesce, con opere di Davide Bonaldo, Giovanni Bonaldi, Giovanni Bonardi, Adriano Campisi, Mario Fallini, Mirco Marchelli, Antonio Pesce, Alex Pinna, Anna Santinello e Giovanni Tamburelli.
L’iniziativa, promossa dall’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Casale Monferrato e da Città e Cattedrali, vuole essere un’occasione – spiegano gli organizzatori – per «coltivare una relazione sempre più stretta con gli artisti, non solo del territorio, offrendo loro occasioni per donare all’intera comunità opere intese a dare volto a quel desiderio di infinito, di eternità, di senso, di bellezza, di verità, di pienezza di vita, di felicità che abita il cuore di ogni uomo».
«È ovvio che – proseguono – per chi è abituato a identificare i contenuti della religione con la semplificazione iconografica creata ad hoc per il compiacimento delle masse prive di cultura, le prove artistiche più complesse basate sull’analogia evocativa, sul recupero di materiali “poveri”, sull’esasperazione espressiva e materica, suscitano sempre delle perplessità. Su questo punto si dividono sovente le opinioni, in quanto, persino gli entusiasti a volte non riescono a celare la propria incomprensione».
“L’immagine del Sacro”, che sarà inaugurata sabato 8 aprile alle 17 presso la Sacrestia monumentale della Cattedrale di Sant’Evasio, sarà visitabile nelle giornate di venerdì (15-18), sabato (9-12; 15-18) e domenica (15-18).