Partirà in primavera “Partirono senza indugio…”, il laboratorio triennale per la formazione dei collaboratori pastorali promosso dalla Diocesi di Casale Monferrato. Si tratta di un’iniziativa, presentata nel corso del Convegno Pastorale Diocesano del settembre 2015, rivolta a quanti sono già impegnati o intendono impegnarsi in un servizio pastorale stabile e qualificato a favore della comunità ecclesiale di appartenenza, in stretta collaborazione con i presbiteri. In particolare animando la catechesi, la vita liturgica e il servizio caritativo, agendo nei diversi settori della pastorale (missionarietà, pastorale della famiglia, oratori, scuola, socio-politico e lavoro-economia, cultura e comunicazione, tempo libero e turismo), elaborando programmi pastorali all’interno dei consigli pastorali e delle equipes di unità pastorale ed attuandoli, o ancora attraverso l’appartenenza alle associazioni e ai movimenti (come responsabili ed educatori).
Le persone interessate dovranno avere un’età non inferiore ai 17 anni e dovranno essere iscritti al corso dal parroco – d’intesa con i consigli pastorali parrocchiali e con l’equipe dell’unità pastorale – o da altro presbitero. Non sono richiesti particolari titoli di studio.
Il laboratorio, della durata di tre anni, si svolgerà da marzo a giugno e si svilupperà con incontri settimanali (dalle 20.30 alle 22.30) e un week-end di lavoro pastorale.
Al termine del percorso formativo è prevista una verifica pratica. Ultimato l’itinerario, a coloro che hanno partecipato costantemente sarà rilasciato un “Attestato di partecipazione” e il Vescovo affiderà loro il “Mandato di Assistenti Pastorali”.

Maggiori dettagli sono contenuti nell’opuscolo informativo che presenta una sintesi della natura, degli obiettivi e del metodo del laboratorio di formazione.

Il modulo d’iscrizione – compilato in tutte le sue parti – può essere spedito tramite posta ordinaria o elettronica, via fax o consegnato a mano alla segreteria della Curia Vescovile (Piazza Nazari di Calabiana, 1 – Casale Monferrato). Il termine ultimo per la consegna, contrariamente a quanto scritto nell’opuscolo informativo, è fissato per il 2 febbraio 2016.