Sarà una vigilia della festa di Gesù Buon Pastore particolare quella che vivrà sabato 6 maggio la comunità diocesana di Casale Monferrato. Nella Cattedrale di Sant’Evasio, alle 21, infatti, Francesco Garis, giovane trentatreenne casalese che ha terminato gli studi presso il Seminario interdiocesano “Maria Vergine del Cenacolo” in Betania di Valmadonna (Al), sarà ordinato presbitero per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria del Vescovo di Casale Monferrato, monsignor Alceste Catella. Don Francesco, per anni animatore delle attività giovanili nell’oratorio del Duomo e di san Domenico e attivo a fianco di amici sacerdoti e volontari dell’Operazione Mato Grosso, è laureato in scienze politiche con indirizzo sociale. Maturata in lui la vocazione al sacerdozio, con il consenso di mons. Catella, Francesco ha intrapreso gli studi, per il primo biennio, nel seminario peruviano di Pomallucay per poi diventare nel 2013 uno studente del seminario interdiocesano di Betania. Ordinato diacono il 21 maggio scorso, ha recentemente terminato il 6° anno di Teologia conseguendo il titolo di Baccalaureato.
Nel pomeriggio di sabato 6 maggio, don Francesco porterà la sua testimonianza alla festa diocesana dei giovani sul tema “Il buon pastore dà la propria vita per le pecore” che si terrà dalle 17.30 presso l’oratorio del Duomo e di san Domenico a Casale.
La Chiesa di San Filippo – dove don Francesco domenica 7 maggio alle 10.30 celebrerà la sua “prima messa” – ospiterà dalle 17 di venerdì 5 maggio alle 18 di sabato 6 maggio l’Adorazione Eucaristica continuativa vocazionale.