Un importante appuntamento di incontro, preghiera e formazione attende i giovani della nostra Diocesi per il fine settimana del 10 e 11 ottobre. Saranno infatti accolti, prima al Santuario di Crea e poi nella Chiesa di Santa Caterina a Casale, i simboli della Giornata Mondiale della Gioventù: il Crocifisso di San Damiano e l’Icona della Madonna di Loreto.
«In questi mesi, in tutta Italia – spiega don Gabriele Paganini, neoresponsabile del servizio diocesano di pastorale giovanile – si raccolgono in preghiera numerosi giovani intorno al Crocifisso di San Damiano e all’Icona della Madonna di Loreto, pellegrini nelle nostre Diocesi e che verranno poi portati a Cracovia, insieme alle reliquie del beato Frassati. In questi giorni, e per quasi tutto il mese di ottobre, sarà il Piemonte ad ospitare e a raccogliersi intorno a questi due simboli».
Le Diocesi di Casale Monferrato, Asti e Alessandria hanno deciso di fare un percorso comune di accoglienza, legato anche dal gemellaggio in vista della prossima Gmg che si svolgerà a Cracovia nel luglio 2016.
Sabato 10 ottobre, alle 16, al Santuario di Crea sono previsti l’arrivo e l’accoglienza della Croce di San Damiano e dell’icona della Madonna di Loreto nel piazzale del Medico condotto; seguirà una processione fino alla Basilica dove ci si fermerà per alcuni istanti di preghiera. Seguirà, nel salone San Giuseppe, l’incontro su “Cos’è una Gmg e il significato del logo”. Ci si dividerà in gruppi per i laboratori sulle seguenti tematiche: i testimoni della Gmg (Giovanni Paolo II, Padre Kolbe, Faustina Kowalska, Alberto Chielowski), il senso del pellegrinaggio, storia e cultura in viaggio politico e sociale nella Polonia, la Shoa (come si è arrivati alla Shoa, visione antropologica delle leggi razziali). Dopo la cena, dalle 21 veglia di preghiera in Santuario (possibilità di pernottamento e preghiera notturna – le presenze vanno confermate al servizio diocesano di pastorale giovanile).
La giornata di domenica 11 ottobre inizierà presto: alle 7,30 celebrazione della Messa e poi trasferimento nella Chiesa di Santa Caterina a Casale dove alle 9 verranno recitate le Lodi, a cui seguirà la possibilità di preghiera libera. Alle 12 partecipazione, in collegamento televisivo, all’Angelus di Papa Francesco. Alle 15 preghiera della Divina Misericordia con possibilità di confessioni. Poi animazione a cura degli oratori della Diocesi. Alle 21, monsignor Alceste Catella, vescovo di Casale, presiederà la Messa che introdurrà la veglia notturna “Gli adulti e le famiglie pregano per i giovani”.
Il lunedì mattina – dopo la recita delle Lodi alle 8,30 – i simboli della Gmg partiranno alla volta di Asti e, successivamente, saranno ad Alessandria.
Giovedì 15 ottobre i giovani delle tre Diocesi si ritroveranno presso il Seminario Interdiocesano “Maria Vergine del Cenacolo” in Betania di Valmadonna, per una veglia di preghiera che avrà inizio alle 21.